ROMATODAY.IT (F. GRILLI) – (…) Radovan Vitek e la famiglia Parnasi , com’era stato ampiamente annunciato, hanno infatti deciso di ricorrere con due distinti provvedimenti presentati al Tar contro la decisione del Campidoglio di rimuovere la pubblica utilità per quanto concerne il progetto di Tor di Valle . (…) Eurnova, proprietaria del progetto del nuovo stadio della Roma ed originariamente anche dei terreni, ha chiesto al Campidoglio un risarcimento complessivamente di 3 2,4 milioni di euro. Ben più consistente è stata invece la somma rivendicata da CPI Spa, la società di Vitek. Il magnate ceco infatti sta chiedendo una cifra che varia tra i 260 milioni ed i 234 . (…) La decisione del Campidoglio di assecondare la rinuncia dell’As Roma al progetto di Tor di Valle , rischia così di costare cara alle casse del Comune. E d’altra parte ha finito per creare un paradosso che pone il Campidiglio in una condizione complicata. La delibera votata lo scorso 21 luglio, infatti, prevede che espressamente la necessità “da parte dei competenti Uffici capitolini unitamente all’Avvocatura Capitolina – si legge nel provvedimento – di avviare valutazioni e quantificazioni di ogni eventuale pregiudizio in danno dell’Amministrazione capitolina determinato dalle Società A.S. Roma S.p.A. ed Eurnova S.p.A”.  
LEGGI L’ARTICOLO INTEGRALEROMATODAY.IT (F. GRILLI) – (…) Radovan Vitek e la famiglia Parnasi , com’era stato ampiamente annunciato, hanno infatti deciso di ricorrere con due distinti provvedimenti presentati al Tar contro la decisione del Campidoglio di rimuovere la pubblica utilità per quanto concerne il progetto di Tor di Valle . (…) Eurnova, proprietaria del progetto del nuovo stadio della Roma ed originariamente anche dei terreni, ha chiesto al Campidoglio un risarcimento complessivamente di 3 2,4 milioni di euro. Ben più consistente è stata invece la somma rivendicata da CPI Spa, la società di Vitek. Il magnate ceco infatti sta chiedendo una cifra che varia tra i 260 milioni ed i 234 . (…) La decisione del Campidoglio di assecondare la rinuncia dell’As Roma al progetto di Tor di Valle , rischia così di costare cara alle casse del Comune. E d’altra parte ha finito per creare un paradosso che pone il Campidiglio in una condizione complicata. La delibera votata lo scorso 21 luglio, infatti, prevede che espressamente la necessità “da parte dei competenti Uffici capitolini unitamente all’Avvocatura Capitolina – si legge nel provvedimento – di avviare valutazioni e quantificazioni di ogni eventuale pregiudizio in danno dell’Amministrazione capitolina determinato dalle Società A.S. Roma S.p.A. ed Eurnova S.p.A”.  
LEGGI L’ARTICOLO INTEGRALE